fbpx
Krapfen Alla Crema Home Made

KRAPFEN FRITTI DI CARNEVALE

“Ma a te piace il Carnevale?”
Questa la domanda più gettonata della settimana sui social visto che siamo in pieno carnevale, e che oggi è anche giovedì grasso!
A me piace il Carnevale?….. sì tanto!
Mi ha sempre divertito mascherarmi, studiare dei travestimenti strani e particolari da indossare alle feste con gli amici o lungo la passeggiata sul mare dietro i carri allegorici.
Se ripenso al passato posso sicuramente stilare una bella lista di maschere:
da ballerina, orso, cappuccetto rosso (ben due volte 1 da piccola e 1 da grande), clown, pacco postale, punk, pippi calzelunghe, bella lavanderina (mia mamma si ispirò alla mitica canzone) e olandesina.
Spero di non essermi dimenticata niente e devo dire che sono rimasta affezionata a ciascuna di queste  mascherina perchè ognuna mi ricorda un momento della mia vita.

krapfen alla crema home made

La ballerina mi riporta al mare di Viareggio e a mio papà che mi teneva in braccio, visto che a malapena mi reggevo in piedi tanto ero piccola e inesperta nella camminata.
Cappuccetto rosso invece mi fa venire in mente la mia prima festa delle medie, a casa della mia storica amica Margherita, dove incontrai quello che sarebbe diventato il mio primo fidanzatino, Matteo.
Lui era travestito da mostro ma non mi fece per niente paura….anzi!
L’orso invece mi ricorda il carnevale a San Giminiano in quei pomeriggi freddissimi in compagnia dei miei zii e di mio cugino.
Quella maschera, insieme a quella del clown, l’ho passata prima a mia sorella e poi a lui, infatti abbiamo le foto anno dopo anno con questo orso sempre fra i piedi e questa cosa mi fa sempre un pò sorridere.
krapfen alla crema home made

Pippi calze lunghe, olandesina e bella lavanderia furono un must dai 3-5 anni, non mi ricordo praticamente niente visto che ero all’asilo, ma le foto negli album mi hanno sempre aiutata a focalizzarmi nonostante il tempo che è passato.
Ero molto carina in quel periodo, immortalata costantemente vicino a mia sorella che recuperava quasi sempre i miei vestiti di due anni prima.
I pacco postale e il punk arrivarono nel periodo delle superiori, quando cercavo in tutti i modi di esprimere la mia creatività inventando qualcosa di particolare, strano, diverso.
Poi ho smesso di mascherarmi e il carnevale ha perso per molti anni quell’aspetto ludico e trasformista di un tempo fino all’arrivo dei miei muffin.
krapfen alla crema home made

In questi ultimi 10 anni ( quasi 11) che sono diventata mamma, sono passati da casa una decina di super eroi, qualche minions, due Harry Potter, un pipistrello e un maialino, che hanno lasciato molte tracce su smartphone, camere e album di ricordi.
Persino i social mi ricordano quei momenti e un pò di nostalgia mi viene sempre.
Un pò come alla fine di un ogni carnevale che se ne va e bisogna aspettare un anno intero per poterne vivere uno nuovo.
Quindi, meglio darci dentro con i dolcetti adesso, visto che poi bisognerà correre ai ripari per la prova costume!
Così dopo chiacchiere, frittelle, Mascherine di carnevale  e schiacciata alla fiorentina quest’anno sono andata sul pesante, sul peccaminoso, sul carnevalesco fino in fondo ovvero dei krapfen, o bomboloni che dir si voglia, alla crema pasticciera.

La ricetta è quella del maestro Montersino così non si sbaglia mai.
E voi da cosa vi mascheravate quando eravate piccoli??
Oppure lo fate ancora chissà….fiocco ai grembiuli

krapfen alla crema home made
Ingredienti per circa 12 krapfen:

Per i krapfen:
150 gr farina manitoba o forte
40 gr zucchero semolato
110 gr uova ( circa 2)
40 gr burro bavarese freddo
5 gr lievito di birra fresco
1 gr sale
scorza di 1 limone
1/2 bacca di vaniglia
olio di semi per friggere
150 gr zucchero semolato per spolvero esterno
Per la crema:
200 ml latte
2 tuorli
60 gr zucchero
16 gr amido mais
krapfen alla crema home made
Come si preparano i krapfen:

Versate la farina nella ciotola della planetaria con lo zucchero, il lievito di birra fresco sbriciolato, la scorza grattugiata di mezzo limone, e semini della mezza bacca di vaniglia e 1 uovo.
Con la frusta a forma di foglia iniziate a impastare fin quando gli ingredienti si saranno amalgamati e cominceranno a formare un impasto che si stacca leggermente dal fondo.

krapfen alla crema home made

La planetaria dovrà essere settata intorno ai 90 giri al minuto, quindi un pò più veloce di un giro al secondo.
Unite pian piano l’altro uovo sbattuto in modo che l’impasto lo assorba e solo dopo unite anche il pizzico di sale.
Fate lavorare la planetaria e intanto riducete il burro a fiocchi piccolissimi.
krapfen alla crema home made

Pian piano aggiungeteli all’impasto attendendo che il precedente si sia mescolato con il resto.
Lasciate impastare la planetaria fin quando tutta la pasta resterà attaccata alla foglia e si sarà staccata dalla ciotola.
Staccate l’impasto dalla foglia, arrotolatelo, copritelo con la pellicola e poi mettetelo in frigorifero per circa 2 ore.
Successivamente stendete la pasta sopra una spianatoia infarinata in modo da ottenere uno spessore di 2 cm.
Con un coppapasta ritagliate dei dischi di circa 4-5 cm di diametro poi disponeteli sopra una teglia coperta da carta forno leggermente infarinata, distanziandoli tra loro.
krapfen alla crema home made

Lasciate lievitare per circa 2 ore.
Intanto preparate la crema pasticcera mescolando i tuorli con lo zucchero e l’amido e scaldando il latte con la scorza di mezzo limone.
Mescolate il latte caldo con gli altri ingredienti, eliminado la scorza, poi riportate la crema sul fuoco fin quando si sarà addensata.
krapfen alla crema home made

Versate la crema su una teglia, copritela con la pellicola a contatto e poi lasciatela raffreddare completamente.
Una volta fredda stemperatela con una frusta e trasferitela in una sac a poche con la bocchetta rotonda.
Portate l’olio di semi a 160°C poi friggete due krapfen alla volta, spegnendo il fuoco ogni volta che avrete raggiunto la temperatura in modo che si cuociano più lentamente fuori ma soprattuto dentro.
krapfen alla crema home made

Scolateli con una schiumarola e poi passateli immediatamente nello zucchero semolato per fare in modo che aderisca bene alle pareti esterne.
Praticate una pressione con la boccetta della sac a poche e farcite generosamente di crema ciascun krapfen.
Servite i krapfen ancora tiepidi.
krapfen alla crema home made

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *