Crostata Di Riso Al Pesto Con Melanzane, Zucchine, Ricotta, Olive E Pomodori

CROSTATA DI RISO ALLE VERDURE

Mi capita sempre più spesso di trovare alcune mie ricette che pubblico sul blog, o dei piatti che ho disegnato e creato da zero, scopiazzati su altri siti web o fotografati e piazzati su una gallery instagram.
Spesso i follower più attenti mi inviano i link di pagine che hanno preso le mie foto e le hanno ripubblicate senza citarne la fonte.
Un tempo mi arrabbiavo, scrivevo mail minatorie, chiedevo la rimozione immediata dei contenuti poi ho smesso.
Questo perché ho capito che era diventata veramente un’impresa impossibile controllare i millemila siti di cucina alla ricerca del copione di turno.
E poi perché sapere di essere copiata mi riempie di un certo orgoglio….”allora forse non sono così male…”.
Poi diciamocelo, oggigiorno non guardare che cosa fanno gli altri è davvero impossibile.


crostata di riso al pesto con melanzane, zucchine, ricotta, olive e pomodori

Primo perché siamo costantemente bombardati da immagini di cibo su qualsiasi social, sito web e in tv e poi perché le idee scarseggiano ed è molto più semplice replicare con copia e incolla invece che provare ad usare la propria immaginazione e creatività.
Lo sforzo intellettuale richiede una buona dose di investimento di tempo, denaro e formazione e queste cose si sa…si fanno con tanta fatica e impegno.
Guardare e farsi ispirare è invece un esercizio molto efficace per alimentare la propria fantasia e il proprio estro.
Sono una bulimica di immagini, di arte, di fotografia e ogni giorno passo molto tempo a guardare gli altri.
Vengo a conoscenza di tecniche di cottura e di composizione delle immagini, è una formazione gratis alla quale accedere ogni giorno grazie ai social e ai siti web.
Però tutto questo materiale non deve spingerci solo all’emulazione anche perché è così bello trovare la propria strada ed essere unici.

crostata di riso al pesto con melanzane, zucchine, ricotta, olive e pomodori

Quindi ok farsi ispirare e assolutamente no copiare senza specialmente dire da chi abbiamo attinto.
Sul web però non sono mica tutti uguali, ci sono blogger virtuosi che non solo citano ma che addirittura tessono le lodi di chi prima di loro ha preparato un piatto speciale.
Tra questi c’è Tiziana e il suo blog Deliziosa Virtù, che vi consiglio di visitare per trovare tante idee carine e ben presentate, oltre a riuscire a cucinarle senza intoppi perchè le spiegazioni e gli ingredienti sono corretti e provati dall’autrice.
E’ capitato già con la torta hummingbird’s cake che vi avevo parlato di lei e lo rifaccio oggi con la ricetta di questa crostata di riso con le verdure.
Pensate che la ricetta originale era dell’artista scomparsa prematuramente, Laura di Timo e Basilico, e questa è la 3° interpretazione.
Mi è piaciuta molto questa ricetta perché colorata, vegetariana e con una base senza glutine dalla consistenza molto particolare data dai chicchi di riso cotti in due modi diversi.
In Liguria, la regione in cui viveva Laura, le torte di riso sono molto diffuse e vengono arricchite di bietole.
Come dicevo prima ho preferito non copiare la ricetta ma l’ho fatta mia aggiungendo il pesto al riso e modificando la grammatura degli ingredienti per rispettare i miei gusti.
Non vi resta che provarle entrambe e scegliere quella che vi piace di più.
Fiocco ai grembiuli

crostata di riso al pesto con melanzane, zucchine, ricotta, olive e pomodori

Ingredienti per una crostata di 24 cm di diametro:

250 gr riso carnaroli
90 gr parmigiano reggiano grattugiato
2 cucchiai di pesto
2 uova grandi
200 gr ricotta
1 melanzana media dimensione
3 zucchine
2 cipollotti
100 gr pomodori ciliegino rossi e gialli
una manciata di olive nere denocciolate
qualche foglia di basilico fresco
olio
sale fino
50 gr sale grosso
pepe

crostata di riso al pesto con melanzane, zucchine, ricotta, olive e pomodori

Come si prepara questa crostata:

Tagliate la melanzana a dadini e poi cospargeteli di sale grosso dentro un colapasta.
Fate colare l’acqua amara posando il colapasta dentro un lavello.
Portate a bollore dell’acqua in una pentola poi salatela e aggiungete il riso.
Fatelo cuocere per 5 minuti e poi scolatelo facendolo leggermente intiepidire.
Sbattete le uova con il parmigiano, aggiungete un pizzico di pepe e sale mescolando tutto con una frusta.

crostata di riso al pesto con melanzane, zucchine, ricotta, olive e pomodori

Aggiungete il riso e amalgamate tutti gli ingredienti in modo uniforme.
Accendete il forno a 180°C in modalità statico.
Rivestite una tortiera con la carta forno poi versate all’interno il riso condito.
Sovrapponete un altro foglio di carta forno e pian piano, con l’ausilio delle vostre dita, formate i bordi laterali e la base delle crostata.
Infornate per 20 minuti poi sfornate, togliete il foglio di carta forno superiore e proseguite la cottura in forno per altri 15-20 minuti.

crostata di riso al pesto con melanzane, zucchine, ricotta, olive e pomodori

Sfornate quindi la base per la crostata di riso e lasciatela raffreddare completamente prima di sformarla dalla tortiera.
Intanto tagliate le zucchine a rondelle così come il cipollotto e togliete il sale in eccesso alle melanzane.
Scaldate un pò di olio in una padella poi fate rosolare zucchine, cipollotto e melanzane per 7-8 minuti regolando di sale.
Versate le verdure calde al centro della base di riso e livellatele in modo che formino una sorta di strato.
Aggiungete delle cucchiaiate di ricotta, i pomodorini gialli e rossi e qualche foglia di basilico, distribuendo su tutta la superficie della crostata.
Potete preparare la crostata di riso e conservarla in frigorifero per 2 giorni in un contenitore con il tappo e riscaldare leggermente le fette nel microonde prima di servirle.
RICETTA SENZA GLUTINE

crostata di riso al pesto con melanzane, zucchine, ricotta, olive e pomodori

Print Friendly, PDF & Email
  1. Ti capisco Angela, sai quante volte é capitato anche a me. Te l’ho già detto su Ig, prima mi arrabbiavo tanto e come te ricorrevo chi mi aveva copiato. Ora sono stanca, lascio fare ma ammetto che non mi lascia indifferente mi fa star male tutto ciò anche perchè spesso sono le blogger che copiano! Grazie mille per le belle parole e per averla rifatta, mi piace tanto anche la tua versione! Bravissima come sempre… Un abbraccio e buona domenica!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *