fbpx
Risotto Alla Birra Con Speak E Foglie Di Cavoli

RISOTTO COMFORT FOOD ALLA BIRRA SPECK E CAVOLI

Questa mattina verso le 7 ho aperto le finestre e finalmente ho visto il cielo illuminato da una lieve luce.
Le scie chimiche sopra i piloni delle luci dello stadio di Firenze, i tetti leggermente lucidi per l’umidità e il fumo bianco che usciva dai comignoli.
Ieri sera invece sono uscita dall’ufficio verso le 17:30 e il mio scooter non era nascosto dalle tenebre.
Riuscivo a vedere le chiome nere degli alberi del parcheggio in contrasto con il cielo grigio blu.
Le giornate si stanno finalmente allungando anche se la primavera è ancora lontana, i raggi del sole ci fanno compagnia per qualche minuto di più ogni 24 ore.
Negli ultimi anni, quelli dove mi sono ritrovata a lavorare in un ufficio dalla mattina alla sera, ho sofferto molto l’accorciarsi del giorno nei mesi freddi perchè timbravo che era buio o quasi e uscivo nell’oscurità, godendomi il sole solamente da un piccolo pezzettino di finestra di lato alla mia scrivania.


risotto alla birra con speak e foglie di cavoli

Non mi piace il buio specialmente quando devo guidare perchè rende il viaggio molto più noioso visto che non si vede il paesaggio.
Non lo gradisco per strada perchè ho un pò paura di imbattermi in qualcuno poco rassicurante.
Non lo amo perchè mi ritrovo sempre sola nel letto freddo a chiedermi il perchè.
Non lo ricerco ed è per questo che anche la notte lascio sempre uno spiraglio tra gli scuri e la finestra per riuscire a muovermi senza sbattere se i bambini mi chiamano.
Insomma lo detesto e vedere che la stagione dell’oscurità volge al termine mi riempie di gioia inaspettata.
Ho controllato sul calendario e ho scoperto che ogni giorno che passa recuperiamo 3 minuti di luce del sole e, anche se può sembrare poco, moltiplicato per 30 giorni significa che ogni mese che passerà ci regalerà 1 ora e mezzo di luminosità in più.
Una piccola gioia in un periodo molto difficile della mia vita, senza respiro, senza pause, da sola contro tutto e tutti e non lo dico perchè voglio fare la vittima ma perchè purtroppo è un dato di fatto.

risotto alla birra con speak e foglie di cavoli

Con il sole ritrovo energia, speranza, voglia di uscire, positività e sopratutto il sorriso.
E poi la luce le fotografie di questo blog è indispensabile anche se mi sono ripormessa di frequentare un bel corso di foto con luci artificiali per sopperire a questi mesi disgraziati.
Ma adesso basta perdersi in chiacchiere perchè c’è una nuova ricetta invernale che vi aspetta.
Un particolarissimo risotto alla birra ( ingrediente segreto che donerà un sapore particolare anche a chi non ama la birra come me) con speck e mix di cavoli.
Il risultato finale è un risotto dai mille colori che ricordano il carnevale e i coriandoli.
Un vero comfort food aspettando la primavera.
Fiocco ai grembiuli

risotto alla birra con speak e foglie di cavoli

Ingredienti per 4 persone:

320 gr riso carnaroli
330 ml birra rossa dolce ( senza glutine in caso di intolleranza)
1 lt brodo vegetale
150 gr speck
100 gr mix foglie di cavoli ( nero, viola, riccio)
1 scalogno
30 gr burro
olio evo
sale
pepe bianco


risotto alla birra con speak e foglie di cavoli

Come si prepara questo risotto:

Sbucciate lo scalogno e riducetelo a rondelle sottili.
Fate sciogliere il burro in una padella e poi soffriggete la cipolla a fuoco molto dolce.
Aggiungete le foglie di cavolo ( tenendone da parte qualcuna per l’impiattamento finale) precedentemente tritate grossolanamente al coltello e fatele rosolare per qualche istante con la cipolla.
Sfumate poi con mezzo bicchiere di birra, aggiungete un mestolo di brodo e attendete che il liquido si assorba completamente tenendo sempre il fuoco dolcissimo.
Tagliate a fette sottili lo speck tenendone 4 da parte per l’impiattamento finale e riducendo il resto a listarelle sottili.
Passatele in padella qualche minuto con un pò di olio in modo che si rosolino leggermente.


risotto alla birra con speak e foglie di cavoli

Quando le foglie di cavolo si saranno cotte, mantenendo comunque la loro croccantezza, spegnete il fuoco e aggiungete le listarelle di speck mescolando tutto uniformemente con un cucchiaio di legno.
Versate il riso in una casseruola e poi fatelo tostare per qualche minuto, fino a quando il chicco diventerà così incandescente da non riuscire e tenerlo tra due dita.
Fate attenzione a non bruciare i chicchi mescolando con un cucchiaio continuamente.
Poi unite il resto della birra e fate sfumare prima di aggiungere del brodo.

risotto alla birra con speak e foglie di cavoli

Mescolate di continuo con un cucchiaio di legno e intorno al 7-8 minuto di cottura unite il cavolo con lo speck e le cipolle.
Continuate ad aggiungere brodo fino a completa cottura del riso poi spegnete il fuoco e coprite la pentola con un canovaccio per 3 minuti circa.
Successivamente aggiungete l’olio evo e mescolate energicamente con un cucchiaio o con la tecnica dell’onda ( movimenti di polso che fanno formare al riso un’onda per incorporare aria) in modo da mantecare il vostro risotto, regolando di sale e pepe.

risotto alla birra con speak e foglie di cavoli

Versate qualche mestolo di risotto sopra un piatto piano di portata e con il palmo della mano date dei colpi sotto in modo che si distribuisca uniformemente su tutta la superficie.
Disponete al centro qualche foglia di cavolo e la fetta di speck in modo che restino verticali al centro del risotto.
Servite subito il risotto caldo.
RICETTA SENZA GLUTINE

risotto alla birra con speak e foglie di cavoli

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *