fbpx
Necci Ripieni Di Ricotta

I NECCI BUONI MA BRAVI

Chi non è toscano non avrà la minima idea di che cosa siano i necci.
Ad essere sincera anche io li ho scoperti da pochissimo tempo ma sono felice di averli scovati perché sono davvero buoni.
Sono delle crepe abbastanza spesse, tipiche della zona montana del Pistoiese, che si arrotolano e si farciscono con la ricotta di pecora.
Essendo fatti di sola farina di castagne non contengono glutine e quindi sono perfetti per celiaci ed intolleranti al glutine come me.

necci ripieni di ricotta

Di ricette con la farina di castagne nella mia regione ce ne sono un’infinità.
Per anni le castagne sono state un alimento essenziale per combattere la fame nelle famiglie contadine che abitavano in montagna.
La più famosa è quella del castagnaccio che ormai si è diffusa in tutta Italia.
Meno comuni invece i necci che si possono assaggiare durante le sagre autunnali nei paesi dell’Appennino toscano.
necci ripieni di ricotta

Io li adoro perché sono un peccato di gola senza troppi pentimenti e per questo ho deciso di proporre proprio questa ricetta per il TruviaFruitChallenge.
Truvia è un dolcificante di origine naturale, dall’ ottimo sapore dolce che nasce dalle foglie di stevia, una piantina verde che coltivo sul mio terrazzo di casa.
La pianta di stevia è originaria del Paraguay, dove per centinaia di anni è stata coltivata, prodotta e utilizzata come dolcificante.
Oggi la pianta di Stevia viene coltivata in Asia e in Sud America, poiché necessita di lunghe ore di luce, acqua e calore.
necci ripieni di ricotta

Truvia non aggiungerà calorie ai miei necci ma gli donerà un tocco di dolcezza e un particolare aroma con un sentore di liquirizia che ben si combinerà con quello delle castagne.
Pronti per imparare come si fanno i necci?
Sono davvero semplici e veloci e il gusto rustico vi conquisterà definitivamente.
Fiocco ai grembiuli
necci ripieni di ricotta
Ingredienti per 10 necci:

Per la cialda:
250 gr farina di castagne
150 ml acqua
1 cucchiaio di olio evo
1/2 cucchiaino raso di Truvia
del burro per ungere la padella

Per il ripieno:
500 gr ricotta di pecora
1 cucchiaino di Truvia
scorza d’arancia grattugiata

necci ripieni di ricotta
Come si preparano i necci:

Versate in una ciotola la farina di castagne che avrete precedentemente setacciato in modo da eliminare i grumi.
Aggiungete poi l’acqua, l’olio e il dolcificante Truvia, poi mescolate bene in modo da formare una pastella.
La pastella non dovrà essere troppo liquida, come quella delle crepes per intenderci, ma leggermente più consistente.

necci ripieni di ricotta

Prendete una padella e ungetela con il burro.
Accendete il fuoco, non troppo vivace, a fatela scaldare bene.
Posizionate al centro un coppapasta di circa 12 cm di diametro e versate all’interno 2 cucchiai, non troppo pieni di impasto.
Uniformate lo spessore della frittella con una marisa e poi lasciate cuocere 2 minuti.
necci ripieni di ricotta

Sfilate il coppapasta e poi fate cuocere il lato opposto per altri due minuti circa, premendo leggermente con una paletta in modo che aderisca alla superficie della padella.
Poi togliete la cialda dal fuoco e arrotolatela subito in modo che mantenga la forma mentre preparerete gli altri necci.
Se non avete il coppapasta potete formare ugualmente i necci con il dorso del cucchiaio ma non avranno una forma precisa a cannolo come i miei.
necci ripieni di ricotta

Una volta completata la cottura della pastella occorre preparare il ripieno.
Versate in una ciotola la ricotta, il dolcificante Truvia e poi grattate la scorza d’arancia.
Mescolate con un cucchiaio per qualche minuto, in modo che tutti gli ingredienti si combinino tra loro, e poi trasferite il composto in una sac a poche con una bocchetta tonda di circa 1 cm di diametro.
Poi prendete una cialda e farcitela per tutta la lunghezza con la ricotta.
necci ripieni di ricotta

Fate la stessa cosa con gli altri necci e poi serviteli subito, magari chiudendoli con della carta forno per renderli ancora più carini e appetitosi.
Potete preparare i necci e arrotolarli per poi conservarli in frigorifero e farcirli al momento di servirli.
In questo modo si conserveranno per circa 5 giorni e saranno ottimi anche freddi.
Una volta farciti invece è bene consumarli entro 1 – 2 giorni al massimo.
RICETTA SENZA GLUTINE
Post sponsorizzato.
necci ripieni di ricotta

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *